Brainworking. La questione intellettuale